Sono una sognatrice, una sognatrice che sogna il possibile nell’impossibile

Sono una sognatrice, una sognatrice che sogna il possibile nell’impossibile e viceversa.
Sono una ragazza che si attacca alle piccole cose, che molto probabilmente non è in grado di apprezzare i grandi gesti: una di quelle ragazze felici all’arrivo inaspettato di un sms, una di quelle che sorride quando squilla il telefono.
Una delle tante sognatrici che si perde a guardare la pioggia scivolare lungo il vetro, che si nasconde tra le pagine di un libro.
Sono nel “ciao” detto sbadatamente,
sono ferma davanti a una tazza di caffè fumante,
sono quella che non si gusta la sigaretta perchè si perde a pensare..
Sono quella che si emoziona se la guardi, quella con il cuore in gola ancora capace di amare ma che teme di farlo.
Non sono mai quella del giorno prima, sono sempre un po’ più triste.
Sono io, quella tristemente felice e felicemente triste.

─solitude: La ragazza che giocava con il fuoco.

Google+ Comments

Rispondi