Sono quella che parla troppo poco ma tanto con gli occhi.

Sono quella che parla troppo poco ma tanto con gli occhi.
Che molto spesso si dimentica di volersi bene.
Sono quella che sbaglia, che fa la cosa giusta quando ormai è troppo tardi e non resta che raccoglierne i cocci.
Sono quella che non riesce a scegliere, che si sente in colpa senza aver fatto niente. Ed è sempre peggio.
Sono quella che nel pullman si confonde, quella che non viene quasi mai notata, ricordata, scelta.
Sono quella che pensa perennemente all’amore con il cuore tra le nuvole e i piedi ben fermi a terra.
Sono quella che non si fida delle persone e ha ancora paura del buio, quella che non diresti mai ” è una ragazza che vale “.

Sogno in Polvere

Google+ Comments

Rispondi