Scrivo per mettere ordine nella mia testa.

Scrivo per mettere ordine nella mia testa.
Per classificare le parole che volano libere nel mio cervello, dare un senso logico al turbinio di emozioni che vivo.
Scrivo perchè non potrebbe essere diversamente, come un bisogno fisiologico, come quel bambino che impara a camminare appena si rende conto che i piedi lo sostengono.
E i piedi somigliano alla penna con cui butto fuori le emozioni e le rendo vive, più vive di quanto potessi pensare.
Scrivo perchè nelle parole si nascondono segreti che messi nero su bianco bruciano di meno.
Scrivo per dimenticare il caos del mondo, per giocare con le parole che si incastrano benissimo tra la penna e il foglio.
Loro sono come le persone, hanno diversi perchè.
Quando scrivo parlo a me stessa.
Mi aiuto, mi esorto, mi abbraccio. Mi dico che andrà tutto bene, mi autoconvinco che posso farcela. Mi libero delle paure, di ciò che resta sepolto dentro.
Quando scrivo cerco di ritrovarmi, e prendermi cura di me è un modo come un altro per volermi bene.
E per scrivere occorre più coraggio di quanto si pensi.

Sogno in Polvere

Google+ Comments

Rispondi