Muta

Muta.
Senza parole di fronte alla vita, non davo mai un nome alle meraviglie che mi si presentavamo davanti.
Muta.
Costretta ad assistere alla distruzione di un amore, ai gesti insensati dell’uomo, capace di provare rabbia e paura insieme.
Muta.
Impassibile nei confronti delle ingiustizie, senza possibilità di appello, ferma ad aspettare che la vita si manifesti.
Muta.
Senza la capacità di schierarmi, soggetta alle leggi del tempo. Travolta dal mare in piena, non sono stata mai àncora di nessuno.
Muta.
Terra infertile e cielo stellato.
Io ero e sono quella muta che parla con gli occhi.

Sogno in Polvere

Google+ Comments

Rispondi