Io non avro’ cura di te, non ne avro’ mai.

Io non avro’ cura di te, non ne avro’ mai.
Io avro’ fede in te, coraggio per te, amore per te, ma non cura. Non so curar neanche le piante, chè muoiono dopo due giorni. Non so tenere in vita un canarino, che preferisce sicuramente scappar dalla gabbia.
Guardero’ il tempo andare e mi chiedero’ se tu rimarrai, quello si.
Costruiro’ speranze fatte di noi, senza correggere troppo le aspettative.
Aspettero’ il tuo ritorno, quando andrai.
Pensero’ a tutte le cose che avrei potuto dirti e non ti dico mai.
Non avro’ cura di te, io.
Ma avro’ cura di ogni sorriso e di ogni risata, di ogni incomprensione e di ogni lacrima. Avro’ cura dei tuoi giorni bui e dei miei giorni di festa, delle tue telefonate e dei miei no, del nostro domani e di quello che puo’ ancora succedere.
Tu, intanto, prenditi cura di me. Perchè io , intanto, penso a domani.

[Sabi

Google+ Comments

Rispondi