Io ascolto molto.

Io ascolto molto.
Ascolto anche il vento e le risate dei bambini.
Ed ascolto il silenzio e la bufera, ascolto le parole taciute, i ricordi, ascolto gli sguardi e le carezze.
Perchè parlano, ci sono centinaia di cose, azioni, idee che parlano.
Non le ascolti, tu?
Quando uno sguardo ti si posa addosso, non lo ascolti? Lo prendi solamente con gli occhi?
A me dicono tante cose , i gesti.
Anche le poesie.
Le poesie non raccontano solo quell’infinità di lettere che le compongono, le poesie parlano. I poeti ci hanno lasciato un testamento urlato piano, in ogni poesia.
L’amore, l’amore va ascoltato, anche quando non sa che dire.
Ed un fiore qualsiasi, ha diritto di essere ascoltato.
Io ascolto molto.
Anche chi mi ha tenuto premute le mani sulle orecchie per troppo tempo. Ascolto anche loro.
Ascolto tutti.
Poi chiudo l’audio e m’assento.

[Sabi

Google+ Comments

Rispondi