Non ci hai mai fatto troppo caso.

Non ci hai mai fatto troppo caso.
Non hai guardato a fondo, ti limitavi soltanto a vedere.
Posavi gli occhi in modo disattento, mentre io ti scrutavo con ogni parte di me. Le mie mani ti conoscevano a memoria.
Sei stato dentro i miei occhi così a lungo che, spesso, quando guardavo gli altri vedevo sempre e solo la tua immagine.
Un riflesso sbieco che mi faceva perdere l’orientamento.
Sei stato sulle mie labbra più volte, così tante che non avrei mai pensato di baciarne altre, tanto diverse dalle tue.
Così calde anche d’inverno, impossibile non rabbrividire.
La verità è che non prestavi attenzione, non ti importava il fatto che io conoscevo tutto di te e tu quasi nulla di me.
Quando ti ho perso non mi sono sentita mai davvero sola.
E’ stato come se tu fossi con me, perchè hai abitato tante volte dentro me che ti portavo ovunque.
Agli altri regalavo pezzi di te, non di me.
Non avrei mai pensato che potessi ricominciare a correre, a sbagliare, a ridere, a respirare.
E perchè no, ad amare.
Invece capita spesso, e di solito succede a chi non ha ricevuto mai troppo amore.

Sogno in Polvere

Google+ Comments

Rispondi