#Buongiorno a quello che non diciamo.

Di – Aurora e Rugiada-

Buongiorno a quello che non diciamo.
A quelle parole che rimango lì in gola a morire o ad aspettare ancora un po’.
Che è meglio non parlare, è troppo presto o troppo tardi.
Ormai.
Buongiorno alle cose non dette.
Buongiorno a chi non ha parlato, a chi non ha avuto il coraggio di dire qualcosa di importante e ora non può più rimediare.
A chi sapeva che era il momento giusto ma è rimasto bloccato.
A chi ha fatto vincere la timidezza, chi l’orgoglio, chi la paura.
A chi preferisce ingoiare i rospi.
A chi “ho perso le parole eppure ce le avevo qua un attimo fa”
A chi quelle parole le trova solo dopo. Quando è tempo di chiedersi “chissà se servirebbero ancora, chissà se le pronciassi cosa potrebbe succedere”

buoiniBuongiorno a chi ha taciuto e s’è pentito.
A chi sa che se avesse parlato sarebbe cambiato tutto.
A chi non ha avuto il coraggio ed ora si maledice.
Ora direbbe tutto. Ora vorrebbe fare quello che non è stato fatto. Ora, che è troppo tardi.
Buongiorno a chi vorrebbe dire addio ma non sa farlo.
A chi “Come glielo dici, a un uomo così?”
A chi ci ha provato tante volte ma è sempre lì.
A chi sa che “…è la musica che è difficile da trovare, per dirselo, lì così vicini, la musica e i gesti, per sciogliere la pena, quando proprio non c’è più nulla da fare, la musica giusta perché sia una danza, in qualche modo, e non uno strappo quell’andarsene.”
Buongiorno a chi ha perso l’attimo in cui tutto poteva essere perfetto.
Se solo avesse…

-Aurora

Google+ Comments

Rispondi