Buongiorno a chi vorrebbe andar via.

Di Aurora e Rugiada

Buongiorno a chi vorrebbe andar via.
A chi sogna di partire.
A chi sogna un treno, una nave, un aereo.
A chi più semplicemente prenderebbe la macchina e si lascerebbe guidare da lei.
A chi alza la musica della radio per non sentirsi solo.
A chi mette un cd e canta a squarciagola.
A chi sa che i viaggi in macchina, con la giusta compagnia, sono una delle cose più belle da fare.
A chi si sente un po’ come al Festival di Woodstock, e sogna un concertone e un camper.
A chi sogna un camper tutto colorato, con mille fiori, e un prato dove abbandonarsi.
Buongiorno a chi vorrebbe dirgli “andiamo lontano come sconosciuti
soli in una grande città”.
A chi sa che ci si perderebbe in un posto nuovo.
A chi spera di perdersi e non trovarsi più.
A chi ha una valigia piena pronta per essere portata via.
A chi desidera una vacanza, di quelle piccole, di un weekend al mare.
A chi vorrebbe sentire le onde sugli scogli, la sabbia tra i piedi, il vento tra i capelli, il sale sul corpo.
A chi desidera fare una passeggiata con le scarpe in mano e nell’altra la mano di qualcuno.
Buongiorno a chi il viaggio se lo fa nella sua mente.
A chi programma tutto nei minimi dettagli.
A chi i dettagli se li ricorda, dal più stupido al più importante.
A chi si lascia cullare dal ricordo.
A chi, tra un dettaglio e un altro, perde di vista l’obiettivo.
A chi “sarà quel che sarà” e vive.
A chi gli batte il cuore.
A chi la pancia.
A chi gli tremano le mani, le gambe, ma gli brillano gli occhi.

Rugiada.

Google+ Comments

Tags:  

Rispondi