#Buongiorno a chi si sveglia e sbuffa.

Buongiorno a chi si sveglia e sbuffa.
Sbuffa perché fuori piove.
Sbuffa perché la primavera non arriva.
Sbuffa perché ha una montagna di libri da studiare e esami da preparare. Perché il lavoro non finisce mai. Perché le carte da compilare sono troppe.
A chi si alza già stanco, ed è solo lunedì.
A chi pensa che mercoledì è festa, quindi va un po’ meglio.
A chi pensa che c’è una valigia pronta ad aspettarlo.
A chi guarda i biglietti già fatti.
A chi vede un treno e pensa “io devo andarmene da qui”.
Buongiorno a chi, invece, salta da gioia.
La gioia di un raggio di sole, di una margherita in un parco, di una giornata senza nuvole.
A chi legge il messaggio e sorride.
A chi apre una lettera che segnerà il suo destino.
A chi si spruzza due gocce di profumo, e via.
A chi aspetta qualcuno, e qualcuno non tarda ad arrivare, finalmente.
A chi è contento e non sa il perché.
A chi è triste e non sa il perché.
A chi lo sa, ma fa finta di niente.
Buongiorno a chi sente la mancanza di qualcuno, e ri – sbuffa.
A chi più passa il tempo, più è peggio.
A chi partirebbe subito, pur di avere un suo abbraccio.
A chi continua ad aspettare, prima o poi arriverà il momento.

Rugiada.

Google+ Comments

Tags:  

Rispondi