#Buongiorno alle ore piccole.

Di – Aurora e Rugiada-

Buongiorno alle ore piccole.
A chi è andato a letto tardi.
A chi è rimasto a parlare con un amico, perché gli manca, perché vorrebbe tanto abbracciarlo.

Natale bozenA chi è rimasto fuori a guardare le stelle.
A chi le ha confuse con un fiocco di neve.
A chi, nonostante il freddo, non voleva tornare a casa.
A chi, camminando, ha ascoltato una canzone.
A chi “La notte è più bello, si vive meglio, per chi fino alle 5 non conosce sbadiglio”.
A chi ha fatto tardi semplicemente guardando un film o rimanendo nel letto.
A chi non è riuscito a prender sonno perché pensava a lei.
A chi, invece, pensava a lui.
A chi si è chiesto che cos’ha che non va. Che ha in meno di quella persona. Perché quella sì e lei no.
Buongiorno a chi crede che di sera, di notte, sia sempre più facile sia parlare.

Le parole escono più facilmente. E’ come se si superasse la zona del vuoi – non vuoi.
A chi parla con un libro e a chi si rifugia in questo per non parlare.
A chi abbassa la testa.
A chi guarda negli occhi.
A chi non serve parlare.
A chi basta un abbraccio.

Rugiada.

Google+ Comments

Rispondi