Buongiorno ai fastidi

Di Aurora e Rugiada

Buongiorno

Buongiorno ai fastidi.
Al fastidio che ti dà la mattina appena alzato la luce.
Al fastidio di lasciare il letto e il cuscino e andare a lavorare.
Al fastidio dei libri da studiare, che vorresti imparare tutto per osmosi.
Al fastidio di quella zanzara che non ti lascia stare.
Di quella persona che non ti lascia andare.
A chi ti occupa la mente e il cuore.
A chi ti occupa le mani con le sue.
A chi stringe così forte da lasciare il segno.
A chi quel rosso non lo manda via facilmente.
A chi sa che tanto, anche se sparisse, rimarrebbe comunque lì.
Al fastidio di quella cicatrice che ormai fa parte di te.
A quella che non ti piace perché ti ricorda un brutto momento.
Alla cicatrice che, invece, ti fa sorridere.
A quella che ti fa scendere una lacrima.
Buongiorno a chi dice “è rimasta piaga, senza farsi cicatrice”.
A chi sa che il sapone non manda via niente.
A chi più sfrega, più si fa male.
A chi da una ferita sente la mancanza.
La mancanza di un abbraccio.
Di un bacio.
Di una madre.
Di un padre.
A chi da quel vuoto prende spunto per sorridere.
A chi va avanti e poi dice “sono diventata questa senza neanche accorgermene”.
A chi fa di una mancanza il suo punto forte.
A chi si tira su e non si lascia cadere più.

Rugiada.

Google+ Comments

Tags:  

Rispondi