Buongiorno a chi vorrebbe volare via

di Rugiada e Aurora

Abbraccio

Buongiorno a chi vorrebbe volare via.
A chi la notte sogna di volare.
A chi si mette a letto, chiude gli occhi e vola con la fantasia.
A chi vorrebbe un paio di ali.
A chi si sente leggero come una farfalla.
A chi si posa di fiore in fiore.
A chi si chiede quanto pesa il battito d’ali di una farfalla.
A chi sogna uno stormo.
A chi si fissa sulle rondini.
A chi costruisce un nido, proprio come loro.
A chi basta un piccolo tremore per farlo crollare.
A chi ha preso un aereo ed è andato lontano.
A chi quell’aereo non voleva farlo partire.
A chi, fino all’ultimo momento, ha tenuto la mano.
A chi l’ha lasciata andare.
A chi si porta nel cuore una promessa.
Buongiorno a chi vola ma rimane con i piedi a terra.
A chi si posa di mano in mano, di volto in volto.
A chi si lascia cullare dal vento.
A chi lo segue fino all’ultimo soffio.
A chi gli scompiglia i capelli.
A quella mano che te li mette dietro l’orecchio.
A chi vola via come una foglia.
A chi cade a terra.
A chi si rialza.
A chi ha le mani sbucciate.
A chi le ginocchia rotte.
A chi apre gli occhi.
A chi fissa il sole.
A chi desidera la polvere di campanellino. Giusto un po’. Giusto a volte.

Rugiada.

Google+ Comments

Tags:  

Rispondi