Buongiorno a chi non si sente nel suo posto.

Di – Aurora e Rugiada-

buongiorno

Buongiorno a chi non si sente nel suo posto.
A chi si è svegliato e, aprendo gli occhi, si è sentito stretto. Stretto nel suo pigiama, stretto tra le lenzuola, stretto nel suo letto.
A chi si è alzato e, girando per casa, non la sentiva più sua.
A chi comunque “resta lì immobile dietro la casa che l’ha vista crescere senza un perché, immobile”.
A chi vuole già uscire, respirare, cercare il posto che fa per lui, quello dove può essere se stesso, quello dove sa che niente e nessuno potrà ferirlo.
Buongiorno a chi è tornato da un luogo e sapeva che era quello giusto. Quello delle risate, delle emozioni, dei sogni, delle amicizie, delle libertà.
A chi, tornando, ha lasciato un pezzo di sé pronto ad aspettarlo l’anno prossimo.
A chi gli è scappata una lacrima, a chi un abbraccio, a chi un bacio.
A chi voleva scappare.
A chi voleva rimanere.
A chi è andato via.
A chi è rimasto. Come sempre.

Rugiada.

 

Google+ Comments

Tags:  

Rispondi