Buonanotte a chi non riconosce più i confini.

Oriana 

Buonanotte a chi non riconosce più i confini.
Tra l’amicizia e l’amore, certo, ovvio.
Ma anche tra l’affetto e il fastidio.
Tra il divertire e il disturbare.
Tra il piacere e il disgusto.
Buonanotte a chi non sa se fa bene ad esserci oppure no.
Perché tanto la nostra mancanza non si sente.
Buonanotte a chi si abitua ad un sorriso virtuale, quando vorrebbe un abbraccio vero.
Buonanotte a chi si limita, senza capire bene fino a che punto può arrivare.
Buonanotte a chi non ha più segnali chiari.
A chi non ha indicazioni.
Buonanotte a chi ogni giorno prova a spingersi oltre, e poi, casomai, torna indietro.

 

Google+ Comments

Rispondi